17/05/17

Vi regalo un estratto!

Amici lettori,
ho deciso di presentarvi il mio prossimo libro.
“Nel tuo nome” è un romanzo storico ucronico, una storia che rivede la Storia immaginando un corso degli eventi alternativo.
I protagonisti del mio libro saranno l’Imperatore Adriano e il suo amante, il giovane greco Antinoo.

 
Non vi anticipo nulla, vi lascio soltanto un piccolo estratto sperando di punzecchiare la vostra curiosità.

“-Posso conoscere il tuo nome, ragazzo?-
-Pan.- rispose Antinoo accarezzando il muso dei due destrieri, prima di aggiungere sottovoce e in greco –Neppure voi siete liberi, amici miei: compatisco la vostra crudele sorte.- alzò lo sguardo un’ultima volta, prima di accomiatarsi –Vale, signori.- disse.
Metello lo osservò allontanarsi e commentò poco convinto:
-Se lui si chiama Pan, io allora sono la dea Venere.-
-Semmai il dio Vulcano, amico mio, poiché gli rassomigli in grazia.- replicò Adriano, spronando la dolce Antigone a procedere –Vuole chiamarsi Pan, chi siamo noi per contraddirlo? È un fanciullo e ha tutto il diritto di vivere felice nel suo piccolo mondo fatto di sogni e speranze, prima che la vita lo faccia scontrare con la dura realtà. E credimi se ti dico che accadrà più presto di quanto egli possa immaginare.-
-A me sembra soltanto un moccioso sfrontato che non nutre alcuna simpatia verso Roma.-
Adriano lo guardò dritto negli occhi.
-Tu alla sua età nutrivi simpatia verso Roma?- ribatté –Io forse la nutrivo?-”

18 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

un piccolo estratto interessante. Lieto di essere arrivato nel tuo mondo. Tornerò spesso e contraccambio volentieri il link vista la qualità del tuo blog!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

In bocca al lupo per il tuo nuovo libro.
Saluti a presto.

Mirtillo14 ha detto...

Ti auguro tanta fortuna e tanto successo per il tuo libro. Ciaooo

Mariella ha detto...

Molto bene. Io intanto comincio il tuo precedente, e questo lo inserisco nella mia wish list.
Abbraccio.

Marina Zanotta ha detto...

Impegnativo fare un libro storico, ma dall'estratto sembra interessante. I libri storici se ricchi di dialoghi annoiano di meno. Personalmente la storia mi piace, quindi mi hai stuzzicato 😉

Marina

Francesca A. Vanni ha detto...

@Daniele Verzetti alias il Rockpoeta
Grazie di cuore Daniele e benvenuto!

Francesca A. Vanni ha detto...

@Cavaliere Oscuro
Grazie, un abbraccio.

Francesca A. Vanni ha detto...

@Mirtillo14
Speriamo bene, io intanto continuo a lavorarci sopra con l'ultima revisione!
Un abbraccio.

Francesca A. Vanni ha detto...

@Mariella
Grazie, bella: appena il libro finirà l'ultima revisione e sarà editato (anche in versione cartacea!) te lo farò sapere.
Un abbraccio

Francesca A. Vanni ha detto...

@Marina Zanotta
In effetti, se mi ci fai pensare, sono due anni che lavoro sul manoscritto ma in realtà sto dietro a questo progetto da molto più tempo. Fra ricerche, documenti da studiare, appunti e tutto il resto penso siano almeno un cinque anni buoni.
Inutile dire che come te, anche io vado matta per i romanzi storici!
Felice di averti stuzzicata, ti abbraccio.

iacoponivincenzo ha detto...

Mi piace come scrivi, questo il primo impulso emotivo. Posso provare ad immaginare la storia e trovo interessante l'esperimento. Ho scritto anche io un romanzo per metà fanrastico e per metà assolutamente storico ambientato nella Berlino degli ultimi giorni dei III Reisch.
Leggo che hai già pubblicato un romanzo. Titolo, bitte, e Casa Editrice.

Francesca A. Vanni ha detto...

@iacoponivincenzo
Danke per questo commento sincero, in effetti quando scrivo punto molto all'impatto emotivo oltre che alla ricerca storica o alle descrizioni.
Il romanzo breve che è stato editato è "Solo un uomo" della StreetLib Selfpublishing.
Adesso passo da te, così ti lascio anche il link del post.
Piuttosto, ma dove si trova il tuo romanzo? E il titolo?
Un abbraccio,
Franny

Ofelia Deville ha detto...

Mi accontento di questo piccolo estratto, in attesa del libro!
Un abbraccio

iacoponivincenzo ha detto...

Io ho pubblicato un romanzo nel 2008 per la Baku editrice di Milano -che nel frattempo ha chiuso- dal titolo "Martedì dopo l'autunno". Ne abbiamo vendute QUASI seicento copie. Da quando hanno chiuso per mancanza di fondi non so se siano rimaste giacenze. Sto tentando di mettermi in contatto via mail con Giulia Fabbri, la proprietaria della casa editrice per farmi spedire queste giacenze, ma non riesco a trovarla. Deve avere cambiato indirizzo postale.
Un secondo romanzo ho pubblicato nel 2011 -sempre NON a pagamento- con Arduino Sacchi editore di Roma dal titolo "Francoforte sul Meno andata e ritorno". Non se ne trova più una copia, dato il loro metodo di pubblicare solo su richiesta delle librerie. Non ne hanno fatta nessuna pubblicità quindi puoi figurarti.
Tre ne ho qui da me finiti, ma mi sono un po' smonato, come si dice in Friuli.
Se mi va mi metto in caccia. Ma ho avuto un'idea. Tradurli in tedesco e pubblicarli qui. Avrei forse migliori chanches come italiano -ex emigrato, ex Gastarbeiter integrato- a trovare una Verlag importante. I tedeschi leggono molto più degli italiani.
Dimenticavo: Ho pubblicato con la GDS un libro di poesie "Te ne andrai domani", ma come sai le poeesie tirano poco. Epperò tanti lo hanno letto perché mi sono arrivate diverse mail di congratulazioni di gente che non conoscevo da Milano, Como, Roma, Napoli e perfino Cagliari. Pensa un po'.
Adesso avrei qualcosa da proporre alla GDS o chi lo volesse.
Grazie del tuo spazio.
Vincenzo

iacoponivincenzo ha detto...

Ti ho risposto Franny ma devo aver chiuso senza cliccare l'invio. Scusa ma a volte mi capita.
Allora. Potresti trovare qualche copia del primo che ho pubblicato.
Titolo "Martedì dopo l'autunno". Editrice Baku, Milano. Anno 2008.
ISBN 978.88.96198.01.8
Del secondo non c'è più niente. Titolo "Francoforte sul Meno andata e ritorno"
Anno 2011. Editore Arduino Sacco. Roma.ISBN 978.88.6354.580.7
Abbraccio.
Vincenzo

Lucrezia Ruggeri ha detto...

Non vedo l'ora di leggerlo!!
Un abbraccio!

Francesca A. Vanni ha detto...

@Lucreza Ruggeri
Grazie bella, anche io sono in attesa di tuoi nuovi scritti (ma prima termina l'anno scolastico!)

Francesca A. Vanni ha detto...

@iacoponivincenzo
Vincenzo grazie a te che invece sei stato così preciso nel parlarmi dei tuoi libri, si vede che anche per te sono una passione.
Peccato per quelli che non si trovano, c'è un modo davvero stupido di pubblicare da parte delle case editrici.
Fossi in te proverei sul serio col tedesco, magari funziona.