13/07/17

Non si può migliorare

La maturità di quest’anno si è conclusa.
Tante cose sono cambiate, rispetto a quando presi io il diploma.
Di certo non sono cambiate in meglio: adesso in internet vengono postate le tracce delle prove con largo anticipo, i ragazzi si fanno fare gli esercizi via whatsapp, si possono tenere i libri aperti all’orale... (se qualcuno ci tentava quando mi sono diplomata io, potevi andare direttamente a stenderti in obitorio così risparmiavi ai docenti la fatica di linciarti vivo)
Soprattutto è aumentata l’ignoranza.

Santo cielo, non voglio fare la stupita.
Nell’epoca di facebook, whatsapp, twitter (e tanti altri social), dove la televisione e internet hanno sostituito i libri e la cultura in generale, non faccio affidamento sul fatto che le generazioni nate dal 1990 in su godano di un cervello che funzioni oltre lo 0,0001% (anche se poi ogni tanto qualcuno se ne salva), quest’anno tuttavia si sono toccate punte di "finezza" imprescindibili a cui fra l’altro ha contribuito anche il MIUR inserendo trogolate allucinanti nei testi delle prove scritte.
Chapeu alla cog******gine!

Vediamo, tuttavia, quali sono stati i peggiori errori commessi dagli studenti.
Passi che nessuno, nemmeno i professori, sapevano chi fosse il poeta e giornalista livornese naturalizzato genovese Caproni: ahi Italia, di ignoranza ostello! (tanto per richiamare Dante).
D’Annunzio, un classico, era un estetista e non un esteta.
Renzo e Lucia si sono suicidati alla fine de I Promessi Sposi che era stato scritto da Dante.
L’Eneide appartiene a Lucano. (dopo che ti sei bevuto tutto l’amaro, magari sì)
Il De Germania di Tacito racconta della gioventù di Hitler.
Il Rinascimento giunge dopo la Seconda Guerra Mondiale, che si è combattuta alla Star Wars con navi spaziali guidate da Napoleone.
Francia e Germania erano alleate sotto la svastica nazista.
Dalì era un dadaista e Magritte uno scrittore.


Berlino è la capitale del Regno Unito, Vienna della Germania e Ancona si trova in Emilia Romagna mentre Pescara è fuori dall’Italia e infatti D’Annunzio è nato a Catania.
Così come i nostri muscoli sotto sforzo producono latte e nella schiena abbiamo un nuovo muscolo chiamato vello d’oro.
E per finire, Giulio Cesare è stato il fondatore e primo re di Roma.

Tutto ciò come viene giustificato?
Tensione da esame, timidezza, sviste.
Io la chiamo ignoranza, una bandiera di cui il nostro paese si foggia troppo spesso.

Lascio il commento finale a questa sfilza di cazzate nelle parole di Ivan Graziani: è vero non si può migliorare col tuo schifo di educazione, col tuo schifo di educazione. Pigro!


8 commenti:

Patricia Moll ha detto...

Posso risponderti con un'altra canzone?
Rettore... dammi una lametta che mi taglio le vene....

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

C'è un degrado culturale che purtroppo colpisce anche l'istruzione. E ti garantisco che anche di docenti ignoranti che scrivono "un albero" " pò" oppure "denio" invece di "degno" ne esistono, e parecchi. No comment

Francesca A. Vanni ha detto...

@Patricia Moll
Io le vene le taglierei a questi ignoranti!
Baci

Francesca A. Vanni ha detto...

@Daniele Verzetti
Sì, infatti ci sarebbe da commentare anche l'ignoranza dei docenti.
Un brutto, brutto affare.
Un abbraccio

iacoponivincenzo ha detto...

So solamente una cosa: datemi i libri di testo e una settimana di tempo e io conseguo la maturità senza sudare, facendo tutte e tre le traduzioni: dal greco, dal latino e dall'italiano al latino.
Mi ci gioco una coscia che avrò votazioni migliori di questi somari. E vado a farla al mitico Giulio Cesare di Roma, proprio per sputtanarli tutti.
Certamente non brillerei in mate e scienze, ma sicuramente non sarei bocciato.
Alcuni anni addietro mi sono imbattuto in un gruppo di maturandi, tra cui mia nipote, che erano delle capre al pascolo. Pensai che sarebbero stati bocciati in blocco. Risultati tutti brillantemente maturi. Anche mia nipote, che ignorava l'esistenza della perifrastica passiva.
Poi questi somari avanzano e si laureano e magari si danno alla politica.
Ecco spiegato l'arcano!!!

Sugar Free ha detto...

Io a scuola vado ancora e ti assicuro che queste cazzate sono poche, sono light. Fra insegnanti, preside e miei compagni di classe mi sembra di essere a "cazzataland", una peggio dell'altra.
E poi c'è wikipedia perché se lo dice wikipedia è vero.
Voglio un mondo di persone intelligenti!
Baci

ps: ho recensito il tuo ultimo romanzo :-)

Francesca A. Vanni ha detto...

@iacoponivincenzo
Hai espresso il mio pensiero. Mandando capre avanti, come si spera che un paese funzioni bene?
Io quando ho dato la maturità, per esempio, non avevo tutti 9 (latino era 8 e così arte, visto che ho difficoltà visive) ma ho dato lo stesso il meglio e soprattutto ho studiato non per i voti ma per non restare ignorante.
Vedrai che finiremo come in America, dove in un reality (The Cake Boss) un'ingegnere nucleare si è data alla pasticceria.
Un abbraccio!

Francesca A. Vanni ha detto...

@Sugar Free
E tu pensa che wikipedia è stata definita la "culla del sapere dinamico", salvo che poi secondo i wikiesperti il Po nasce dall'appennino tosco emiliano.
Un abbraccio e tieni duro con la scuola, impara per te stessa e chiudi le orecchie alle cazzate!
Un abbraccio :-)